Archivi categoria: Prima squadra

LA TEMPESTA RUFUS SI ABBATTE SUL LUCCA CAPOLISTA

Quarto successo consecutivo per la squadra Senior del Rufus San Vincenzo. Dopo la vittoria al cardiopalma in casa della seconda in classifica (a Pistoia domenica scorsa), stavolta ad uscire sconfitta dal Santa Costanza è nientemeno che la prima della classe, ovvero quel Rugby Lucca fino a qui imbattuto e leader incontrastato del girone con 28 punti. I sanvincenzini hanno sfoderato una prestazione davvero maiuscola tenendo sempre in mano il pallino del gioco e sbagliando veramente poco. La partita è stata condizionata forte vento di ponente che ha soffiato in maniera molto violenta per tutto l’incontro, causando problemi soprattutto nelle trasformazioni e nella battuta delle punizioni portando ad evitare i calci in touche.

Il Rufus parte subito forte senza timori reverenziali e dopo quattro giri di lancetta è già in vantaggio grazie a capitan Mariotti che è bravo a finalizzare in meta in pozione centrale l’azione partita dal calcio d’inizio. De Vivo è bravo poi a trasformare portando il risutato sul 7-0. Gli ospiti non riescono a reagire alla segnatura anche perché il Rufus sembra avere davvero una marcia in più ed infatti dopo altri 6 minuti il vantaggio aumenta con Fontana. Stavolta la posizione è molto defilata e la trasformazione non riesce. 12-0. I padroni di casa amministrano quindi il vantaggio, non correndo mai seri pericoli, anzi, prima dello scadere della frazione, realizzano la terza meta con Massei. Stavolta il calcio di trasformazione è una prodezza balistica e, nonostante il vento, l’ovale colpito dal piede di De Vivo centra l’H sfiorando il palo destro. 19-0.

Nel secondo tempo il copione non cambia. Gli ospiti provano a reagire, ma il Rufus non concede spazi in difesa e riesce addirittura a segnare la meta del bonus con Galigani. 24-0. Su un’azione iniziata da touche il Lucca riesce poi a realizzare la meta della bandiera (con relativa trasformazione), anche grazie ad uno dei pochi errori odierni della difesa sanvincenzina. Prima della fine c’è spazio anche per la quinta meta segnata da Catoni, che porta il punteggio sul definitivo 29-7.

La meta di Catoni
La meta di Catoni

Con questa vittoria il Rufus consolida il terzo posto in classifica (ultimo utile per accedere al girone promozione) salendo a 21 punti, dato che il Pistoia (secondo in classifica) batte il Gambassi (che scende dalla quarta alla quinta posizione) e il Bellaria (nuoo quarto) sconfigge il fanalinodi coda Etruschi.

Il prossimo impegno per i seniores del Rufus è domenica prossima 16 dicembre sull’insidioso campo di Pontedera con il Bellaria Rugby, unico avversario del girone non sconfitto dai sanvincenzini (all’andata fu un insolito pareggio) e diretto avversario per la zona promozione. Il ragazzi di Paolo Barsotti dovranno confermare i notevoli progressi fatti rispetto all’inizio del campionato e continuare a far sognare i tifosi tentando di centrare la poule promozione.

Questi i ragazzi scesi in campo: Catoni, Mazzarini, Dellorusso, Mariotti (cap), Guarracino, Alili, Orsini, Mingrone, Galigani, De Vivo, Florio, Massei, Vultaggio, Balliu, Fontana. Dalla panchina: Ragazzo, Garau, De Fidio, Naoui, Bettini, Dedej, Vecchiarelli

UN RUFUS DA URLO FA IL COLPACCIO A PISTOIA

Era un Rufus rimaneggiato quello che si presentava in casa del Rugby Pistoia, secondo in classifica: alle assenze per infortunio di Mingrone e Massari, si erano aggiunte le indisponibilità di Di Giorgio, De Vivo e Ragazzo. Coach Barsotti si era quindi affidato a una seconda linea giovane e inesperta, formata da Guarracino e dall’esordiente Garau; stesso discorso per la mediana: al diciassettenne Galigani era affiancato Bettini, all’esordio ufficiale con il numero 10. L’avversario era fra i più temibili, soprattutto grazie a una mischia molto pesante e a una solidità conclamata, ma i ragazzi di capitan Mariotti sapevano di poter tentare il colpaccio.

Al fischio dell’arbitro Mirabella, la partita sembra però prendere subito una brutta piega per i sanvincenzini: forse la troppa tensione, forse qualche ingranaggio non troppo oliato, fatto sta che dopo meno di un quarto d’ora i padroni di casa segnano due mete (non trasformate). Gli ospiti però non si danno per vinti e accorciano le distanze con il piede di Bettini. Il Rufus riprende coraggio, ma non tutto sembra andare per il meglio: il giovane numero 10 dei Rufus soffre un po’ troppo la pressione e quindi si procede a un rimescolamento dei trequarti, con Fontana spostato all’apertura, Vultaggio a estremo, Balliu a secondo centro e Bettini all’ala. D’altro canto il Pistoia, oltre a non essere devastante in mischia, grazie anche all’ottimo lavoro dei ragazzi di Barsotti, sembra soffrire il gioco al piede sanvincenzino. Il Rufus sfrutta bene il calo psicologico dei padroni di casa e va in meta prima con Alili, abile a concludere una splendida azione in percussione, poi con Fontana, che sfrutta un riciclo di Balliu, azionato proprio da un calcio dell’apertura bluceleste. I padroni di casa tentano la riscossa, ma si va al riposo con il Rufus in vantaggio 10 a 15. Nell’intervallo esce un acciaccato De Fidio per lasciare il posto a Florio. Nel secondo tempo la battaglia si inasprisce, ma il Rufus sembra poter controllare il match, portandosi fuori break con un altro calcio di punizione di Bettini. A metà del secondo tempo Dellorusso alza un buon campanile, la difesa del Rufus sale piuttosto bene, ma il primo placcaggio di capitan Mariotti sull’ala avversaria va a vuoto, così come i tentativi di Bettini e di Vultaggio: il Pistoia segna, non trasforma, ma si rianima. Gli ospiti provano a riallungare, ma, con Bettini momentaneamente fuori per sangue, Vultaggio sbaglia un calcio da posizione non impossibile. La mischia pistoiese inizia a dominare, grazie anche alle forze fresche della panchina; coach Barsotti gioca la carta Berti, che rileva Guarracino, aumentando così il peso del pacchetto sanvincenzino. La difesa del Rufus tiene, ma, a tre minuti dalla fine, cede, concedendo una meta all’ala che, seppur non trasformata, porta i Pistoiesi avanti di due punti. Gli animi si scaldano e il capitano del Pistoia si becca un giallo. Sembra tutto finito, ma i Rufus ci credono ancora: drop di Vultaggio, recuperano palla i padroni di casa e, dopo qualche fase, un ottimo grillotalpa di capitan Mariotti porta alla punizione che deciderà la partita. La posizione è centrale, ma non vicinissima; Bettini si concentra, l’aria è densa di umidità e tensione, parte la rincorsa, la tomaia colpisce il pallone nel modo giusto e l’ovale centra l’H: i Rufus esplodono di gioia, ma non è ancora finita. Una parola di troppo scappata a Bettini dopo il calcio concede una punizione ai pistoiesi, che vanno in touche: la palla viene portata a largo, fin troppo al largo e la difesa dei Rufus con un placcaggio energico porta avversario e pallone fuori dal campo, decretando la fine delle ostilità.

Dellorusso in azione
Dellorusso in azione

Questa sudatissima vittoria, unita alla sconfitta del Gambassi Rugby, porta il Rugby Rufus al momentaneo terzo posto in classifica (l’ultimo disponibile per poter accedera alle poule promozione). Resta comunque ancora molto da lottare al Rufus, a partire dalla prossima domenica alle 14.30, quando a San Vincenzo si presenterà il Rugby Lucca, capolista e, al momento, imbattuto.

Formazione: Mazzarini, Catoni, Dellorusso, Guarracino, Garau, Alili, Orsini, Mariotti (cap), Galigani, Bettini, De Fidio, Massei, Vultaggio, Balliu, Fontana. A disposizione: Berti, Florio, Dedej.

CUORE E TESTA: IL RUFUS TORNA A VINCERE, 20-22 A MONTELUPO

 

La formazione senior del Rugby Rufus porta finalmente a casa la prima vittoria sul campo della seconda in classifica, il Gambassi Rugby, formazione frutto della fusione delle squadre di Empoli, Montelupo e, appunto, Gambassi Terme. Gli atleti in campo hanno dato vita davvero a una partita molto combattuta e avvincente, che ha visto andare in vantaggio ora l’una ora l’altra squadra con il punteggio sempre in equilibrio fino alla fine (20-22).

Il pallino del gioco è stato spesso in mano ai sanvincenzini, che spesso hanno concretizzato il possesso palla in campo avversario piazzando in mezzo ai pali le punizioni concesse dai padroni di casa, grazie anche a un De Vivo molto ispirato; il Gambassi, d’altra parte, è stato abile a segnare ben tre mete nelle rare occasioni in cui la difesa del Rufus ha vacillato.

La partita è entrata subito nel vivo, grazie a un piazzato dell’apertura dei Rufus e una meta in maul da parte dei padroni di casa dopo pochissimi minuti. Il Rufus si sono poi riportati in vantaggio grazie al piede del solito De Vivo. Da segnalare che durante la prima frazione è stato espulso per proteste l’allenatore degli ospiti Barsotti, dopo una punizione fischiata dall’arbitro Crimi contro la mischia ospite in avanzamento a pochi metri dalla linea di meta avversaria.

Massei in azione
Massei in azione

Nella ripresa alla meta dei padroni di casa (non trasformata) ha risposto immediatamente Balliu con l’unica meta segnata e trasformata dal Rufus, a seguito di una splendida azione corale, portando così il punteggio sul 15-16. In seguito gli ospiti  hanno approfittato di un cartellino giallo (e quindi di una temporanea superiorità numerica) e di un calcio per portarsi sul 15 a 19.

I padroni di casa però, seppur in inferiorità numerica, sono riusciti a segnare una terza meta (non trasformata), approfittando di una difesa dei Rufus non perfetta e riuscendo così a riportarsi in vantaggio di 1 punto.

Seppur in svantaggio, i ragazzi di Barsotti non hanno mollato di un millimetro e sono stati bravissimi prima a sfruttare al meglio un calcio battuto molto vicino alla linea di meta (portandosi così sul definitivo 20 a 22) e poi a resistere agli ultimi assalti dei padroni di casa.

Al triplice fischio conclusivo e dopo il saluto finale fatto come di consueto insieme agli avversari, i numerosi tifosi al seguito della squadra hanno così potuto risentire il canto di vittoria dei Rufus (“Una carezza in un pugno”) rimasto per troppo tempo in gola nelle partite precedenti.

Con questa vittoria si riaprono i giochi per la poule promozione. Il prossimo impegno per i sanvincenzini sarà in casa domenica 18 novembre alle 14.30 contro gli Etruschi Livorno.

Questi i ragazzi scesi in campo: Mazzarini, Catoni, Dellorusso, Ragazzo, Guarracino, Alili, Orsini, Mariotti (cap), Galigani, De Vivo, Di Giorgio. Massei, Vultaggio, Balliu, Fontana. A disposizione: Berti, Pagano, Bettini, Dedej.

 

 

RUFUS SEMINA MA NON RACCOGLIE: DOPO L’IMPRESA SFIORATA A LUCCA, PAREGGIO COL PONTEDERA

Rimanda ancora la prima vittoria in campionato la squadra senior del Rugby Rufus che, dopo la sconfitta a Lucca di domenica scorsa (che è valsa comunque il primo punto in classifica), è stata fermata sul pareggio 12 a 12 dal Bellaria Pontedera al campo sportivo Santa Costanza di San Vincenzo.

 

La partita della scorsa settimana, che aveva visto i sanvincenzini lottare alla pari con i primi della classe, segnando anche due mete con Vultaggio e Balliu, aveva dato buone speranze per la gara con il Bellaria di Aldo Donato. Invece, i ragazzi allenati da Paolo Barsotti, nonostante la superiorità dimostrata in mischia e il maggior possesso palla rispetto agli avversari, sono apparsi lenti e poco cinici nelle occasioni d’attacco che hanno creato durante la partita.

L’inizio di gara è comunque stato positivo in quanto dopo 3 minuti la compagine di casa è riuscita a portarsi in vantaggio (5-0) con  Vultaggio, non riuscendo però a trasformare la meta anche a causa del forte vento contrario. La formazione ospite ha reagito subito alla meta subita e prima della fine del primo tempo con un’azione caparbia è pervenuta prima al pareggio e poi al vantaggio (7-5) trasformando la meta.

Nel secondo tempo il Bellaria con un veemente avvio è riuscita ad incrementare il vantaggio portandosi sul punteggio di 12-5.  A questo punto il Rufus ha cercato in tutti i modi raddrizzare la partita riversandosi in attacco e riuscendo a creare diverse buone occasioni in una delle quali (a 10 minuti dalla fine) è riuscita a pareggiare con una bella meta di Galigani, poi trasformata. Gli ultimi minuti di gara hanno visto i padroni di casa attaccare a testa bassa, ma senza troppa lucidità per cui il punteggio è rimasto invariato ed ha decretato la divisione della posta in palio. Resta quindi il rammarico per non essere riusciti a portare a casa l’intera posta nonostante molte occasioni favorevoli  che potevano essere sfruttate in modo diverso.

Balliu in azione
Balliu in azione

La squadra è apparsa macchinosa e, nonostante qualche miglioramento in fase di possesso palle, non si è vista la convinzione che aveva caratterizzato i sanvincenzini nella trasferta lucchese. La possibilità di rifarsi ci sarò già domenica prossima in trasferta contro il Gambassi, che viene dalla vittoria a Livorno per 44 a 19.

Questi i ragazzi scesi in campo contro il Bellaria: Catoni, Mazzarini, Dellorusso, Mariotti (cap), Guarracino, Alili, Orsini, Massei, Galigani, De Vivo, Massari, Vultaggio, Balliu, De Fidio, Fontana. A disposizione: Ragazzo, Berti, Bettini, Dedej, Di Giorgio, Deiola.

Questi invece i protagonisti della trasferta lucchese: Catoni, Mazzarini, Dellorusso, Mariotti (cap), Guarracino, Alili, Orsini, Mingrone, Galigani, De Vivo, Balliu, Massei, Vultaggio, De Fidio, Fontana. A disposizione: Bettini, Dedej, Deiola, Bandini.