NOVITA’ PER IL RUGBY RUFUS

Sono ripartite le attività del Rugby Rufus: i seniores hanno iniziato la preparazione a fine agosto, contando su alcuni importanti e giovanissimi innesti provenienti dalle giovanili o rientranti dopo pause più o meno lunghe; Ortolano, Xhahysa, Niccoli, D. Fontana e Batranu andranno a integrare una squadra reduce da due fantastici campionati e che ha perso qualche veterano, costretto al ritiro per raggiunti limiti d’età. Inoltre potranno aggregarsi alla prima squadra anche i promettenti membri dell’under 18, al compimento del diciassettesimo anno d’età.

Le giovanili, ovvero u6, u8, u10 e u 12 hanno iniziato la loro stagione giovedì 7 settembre (ore 17.30 gli u6, ore 18 le altre categorie) e proseguiranno gli allenamenti regolarmente il martedì e il giovedì, diretti dagli esperti e appassionati educatori dello staff tecnico. Importante è la (ri)nascita dell’under 14, da troppi anni assente dalla famiglia Rufus che, guidata da Properzi e Mariotti, si allena il martedì e il giovedì alle 18 a partire dal 5 settembre. Altra grande novità è l’inserimento di una formazione giovanile di rugby femminile che, a partire da lunedì 11, riunirà le ragazze dai 12 ai 18 anni che già praticano questo sport o vogliono avvicinarvicisi per la prima volta. Al primo allenamento della femminile sarà presente Tognoni, allenatore della femminile del Cue Pisa e Rugby Dolls dell’Etruria Rugby Piombino. Il rugby femminile ha già portato alcune belle soddisfazioni in casa Rufus lo scorso anno, non solo con la partecipazione di molte ragazze, ma anche grazie alla convocazione delle rufussina Irene Cheli alle finali nazionali femminili u14 in programma il 20 ottobre a Senigallia.

Rufus rugby femminile
La rufussina Chiara Cheli in azione

Il primo appuntamento agonistico è quello del beach rugby casalingo, riservato agli under 12, in programma domenica 17 settembre allo stabilimento balneare Shangri-La di Marina di Castagneto a cui parteciperanno, oltre ai Rufus allenati da Stacchini, il Firenze 1931, il Sesto Rugby, Lo Scancicci Rugby, il Rugby Iolo, l’Etruria Rugby Piombino, il Rugby Cecina e il Rugby Golfo Scarlino. Il Rufus si conferma così una bella realtà sportiva in crescita, che punta sui giovani e apre le porte del rugby all’universo femminile, cosa non banale per uno sport ancora troppo macho.

IL RUGBY RUFUS FESTEGGIA CON BIRRA E BESTIA ALLA BRUSTA

Anche quest’anno si è tenuto a San Carlo il consueto appuntamento con la Festa della Birra e della Bestia alla Brusta organizzato dal Rugby Rufus San Vincenzo, una manifestazione ormai collaudata, che ha acquisito negli anni una buona capacità organizzativa e una riuscita più o meno costante. Alla festa hanno partecipato decine e decine di volontari, dai più piccoli ai più anziani che si sono mossi tutti per un unico scopo, quello di permettere al Rugby Rufus di continuare la sua più che decennale azione di promozione di questo magnifico sport e dei suoi sani principi nel nostro territorio. La manifestazione ha accolto locali e turisti che non solo hanno potuto godere delle specialità del ristorante, ma anche dei dopo-cena musicali con artisti locali come Dj Evo, i Modalità Provvisoria, gli On The Mend e i Blues Eaters, sorseggiando una birra fresca o mangiando un frate caldo. Si è trattata di un’occasione molto importante per il Rugby Rufus San Vincenzo: non solo necessaria ai fini del finanziamento delle attività sportive (che partono proprio in questi giorni) e fondamentale proprio per la sua finalità aggregativa, di team building, per dirla all’inglese, ma anche per l’essenziale incontro con la comunità locale, per rinforzare i vecchi rapporti e instaurarne di nuovi.

festa rufus
Le due anime della festa: cibo e volontari

La società ci tiene a ringraziare tutti coloro che credono nel Rugby Rufus San Vincenzo, dai molti e appassionati volontari, agli sponsor, all’amministrazione comunale, per finire con tutti coloro che hanno contribuito passando una bella serata insieme a questo bel gruppo di persone che crede fermarmente nei grandi valori di questo grande sport. In questi giorni ripartono le attività della prima squadra, che tenta l’impresa di confermarsi per il terzo anno consecutivo al vertice della serie C toscana, e a seguire di tutte la giovanili, dall’under 14 all’under 6. Primo vero appuntamento con la competizione è per la formazione degli under 12 che prenderà parte al torneo casalingo di beach rugby, previsto per il 17 settembre al bagno Shangri-La di Marina di Donoratico.

IL RUGBY RUFUS RIPARTE DENTRO E FUORI DAL CAMPO

Al via una nuova stagione sportiva per il Rugby Rufus San Vincenzo che decide di puntare sui più piccoli, visti anche i recenti successi di una giovanissima prima squadra che, proprio grazie ai consistenti rifornimenti dalle giovanili, ha vinto ben due campionati consecutivi di serie C regionale. Primo appuntamento extra-sportivo è la fondamentale Festa della Birra e della Bestia alla Brusta che si terrà a San Carlo (piazza Ernesto Solvay) dal 21 al 27 agosto: la festa non solo è fonte necessaria allo svolgimento delle attività sportive, ma è anche momento insostituibile di aggregazione e convivialità, nonché di incontro con la comunità.

rufus u12 in festa
Under 12 in festa

Dal punto di vista squisitamente sportivo quest’anno il Rugby Rufus riuscirà a schierare, oltre ai seniores, tutte le categorie comprese fra gli under 6 e gli under 14, aumentando le formazioni giovanili rispetto alle scorse stagioni; inoltre ci sarà un considerevole gruppo di ragazzi under 18 che troverà posto fra le fila della prima squadra o in giovanili di società amiche. Un così gran numero di piccoli rugbisti, divisi per categorie, necessita di uno staff tecnico ampio, valido e appassionato, per questo il direttore sportivo Sebastiano Ardita ha così ripartito gli educatori e gli allenatori per ogni squadra: l’u6, a trazione femminile, sarà affidata a Emma Pitrasu e Camilla Antonucci; per l’u8 Davide Bettini sarà affiancato da Nicola Mazzarini e Diego Di Palma; nell’u10 Andrea Bernini e Claudia Materassi aiuteranno il più esperto Maurizio Bettini; per quel che riguarda l’u12 Tiziano Stacchini avrà come collaboratori Mirko Fontana e Adriano Ragazzo; l’under 14 invece sarà guidata da Mauro Properzi e Francesco Mariotti; infine per la prima squadra si conferma la premiata ditta Dell’Omodarme-Mariotti, allenatore e preparatore atletico di uno splendido ciclo aperto due anni or sono. Queste le date dell’inizio delle attività: seniores: 28 agosto, u14: 4 settembre, u 6-8-10-12: 7 settembre. Primo, importantissimo appuntamento agonistico sarà il torneo casalingo di beach rugby, riservato all’under 12, che si svolgerà domenica 17 settembre a Marina di Castagneto presso lo stabilimento balneare Shangri-La con ben otto società in gara.

BELLA GIORNATA DI SPORT TARGATA RUFUS

Il caldo non ha fermato lo sport e il Rugby Rufus ha dato ancora una volta prova di quanto bene si possa fare con tanta passione, pur essendo una piccola realtà sportiva in un piccolo paese della costa toscana. Domenica 11 infatti ha organizzato due splendidi tornei, perfettamente aderenti allo spirito di unione, rispetto e amicizia di questo fantastico sport. La mattina è stata dedicata ai più piccoli, con tutte le categorie della propaganda (under 6, 8, 10, 12) impegnate in quattro gironi all’italiana, seguiti da finali per il primo e terzo posto per il “Torneo città di San Vincenzo”. A dare filo da torcere ai Rufus sono arrivati piccoli atleti da tutta la Toscana; in particolare erano presenti due storiche società come il Livorno 1931 e il Firenze 1931, oltre ai vicini di casa dell’Etruria Piombino, del Cecina Rugby e del Rosignano Rugby: dopo le fatiche dei baby rugbisti, con i biancoverdi livornesi trionfatori assoluti dei tornei, come da tradizone, bel terzo tempo per grandi e piccini. Concluse le premiazioni, i partecipanti e gli accompagnatori si sono spostati sul mare, per un bagno di gruppo che ha suggellato una grande giornata di sport. Oltre al prezioso impegno dei numerosi volontari del Rugby Rufus, bisogna ricordare il patrocinio del Comune di San Vincenzo, la partecipazione della Croce Rossa Italiana che ha permesso l’assistenza e i collegamenti radio, l’ospitalità dello stabilimento balneare Bayahibe, il contributo per le premiazioni fornito dall’Avis e la concessione degli impianti da parte dell’USD San Vincenzo Calcio.

il-giovane-galigani-lotta-contro-due-piombinesi
Il giovane Galigani lotta con due piombinesi

Il pomeriggio invece è stato dedicato al “Memorial Tommaso Ciarla”, torneo di rugby a 13 in onore del giovane rugbista di Riotorto tragicamente scomparso due anni fa. A ricordarlo insieme alla madre di Tommaso e ai suoi parenti, c’erano i suoi amici, compagni e avversari del rugby, una grande famiglia allargata che ha lottato sotto il sole cocente per ricordare chi ha passato la palla troppo presto. Hanno partecipato, oltre ai compagni del Rugby Rufus, atleti dell’Etruria Rugby Piombino, Rugby Cecina e Cus Pisa Rugby. Al termine del torneo, che ha visto i piombinesi spuntarla di poco sui sanvincenzini, giocatori e spettatori, godendo dell’ora di un quantomai benvenuto tramonto, hanno mangiato e bevuto tutti insieme, ricordando Tommaso nel miglior modo possibile e sottolineando quanto lo sport del rugby unisca sempre e mai divida.